Anche una donna tra i migranti sbarcati a Seccagrande, una quarantina in fuga nelle campagne

Quattordici migranti sono stati bloccati fino a ieri sera da carabinieri e polizia nel territorio Riberese e fino alle zone più interne. Facevano parte dei 60 sbarcati ieri a metà mattinata a Seccagrande a bordo di un natante che si è arenato in spiaggia e che è stato posto sotto sequestro. Arrivavano dalla Tunisia. Tra loro anche una donna. I migranti, giunti a terra, sono fuggiti verso le campagne, ma un gruppo è stato bloccato da polizia e carabinieri, giunti a Seccagrande assieme alla guardia di finanza, mentre motovedette della Capitanerie di Porto Empedocle e del Circomare controllavano la zona. Le ricerche dei migranti fuggiti sono ancora in pieno svolgimento e impegnano anche i carabinieri della tenenza di Ribera. Ieri tre sbarchi nell’Agrigentino. Oltre a quello di Seccagrande, un altro, con una cinquantina di migranti, sulla spiaggia di Pietre Cadute. Un barcone, con una decina di migranti, è arrivato, invece, a Borgo Bonsignore.