Appalti milionari per rifare le reti idriche, non potrà gestirli Girgenti Acque

Hanno letto: 443

Girgenti Acque S.p.A. è stata ufficialmente “destituita” almeno dal ruolo di ente gestore degli appalti milionari riguardanti il rifacimento della rete idrica dei comuni dell’ATI. A deciderlo è stato il Commissario nazionale per l’emergenza depurazione Enrico Rolle. Lo ha fatto sulla base di un parere dell’Avvocatura dello Stato. Salta, dunque, il punto più importante della convenzione stipulata undici anni fa. Trentuno milioni di euro è il finanziamento a disposizione per il comune di Agrigento per la sola rete idrica. Altrettanti quelli a disposizione per il comune di Sciacca ma, in questo caso, anche per l’adeguamento del depuratore comunale. Un tema che rileva sotto punti di vista diversi, a partire da un’inchiesta giudiziaria (l’ultima tuttora in corso presso la procura della Repubblica di Agrigento) che ipotizza gravi irregolarità e un presunto giro di protezioni attorno alla rete dell’ente gestore.