Arriva una seconda Tac al “Giovanni Paolo II” di Sciacca in disuso al Policlinico di Palermo

Una seconda apparecchiatura TAC entrerà in funzione presso il presidio ospedaliero “Giovanni Paolo II” di Sciacca.

Non si tratta di un  nuovo macchinario, ma  proviene dall’Istituto di radiologia dell’Azienda universitaria Policlinico di Palermo, dove non veniva utilizzata, e la sua installazione consente di attivare a Sciacca un importante sistema di back-up nell’eventuale indisponibilità, ad esempio nel caso di guasti, della TAC 64 strati di ultima generazione di cui dispone l’ospedale.

Il tomografo assiale computerizzato integrativo è arrivato Sciacca grazie al primo caso in Sicilia di un accordo tra aziende sanitarie pubbliche per il riutilizzo di apparecchiature ancora efficienti,  ma non utili all’ente cessante.  Si assicurerà così al territorio saccense un servizio importante a costi contenuti.