Da Bivona un secco no alla consegna delle reti idriche, Panepinto: “Siamo un Comune modello per la Sicilia”

Hanno letto: 305

ll partito democratico di Bivona considera la gestione pubblica e diretta della acqua, da parte del comune, sacra e inviolabile. Lo dice l’ex sindaco ed ex deputato regionale Giovanni Panepinto secondo mil quale il suo comune è “punto di riferimento per tutta la Sicilia nella battaglia contro la privatizzazione del servizio idrico”.

Panepinto aggiunge che aggiunge: “Nel 2004 il governo regionale ha voluto privatizzare il servizio integrato idrico sia come sovrambito regionale affidando a una società francese tutto il sistema idrico dell’isola, alcune dighe comprese, e la gestione delle sorgenti e di tutte le fonti idriche di approvvigionamento. Nel 2007 è stato intimato a tutti i comuni di consegnare le reti idriche per essere consegnate al gestore privato, Girgenti Acque. Sedici comuni agrigentini si sono rifiutati di farlo”.

Panepinto difende la scelta e aggiunge: “Il 14 febbraio 2008 si è svolto il referendum comunale e il 98% degli elettori bivonesi ha detto no alla privatizzazione dell’acqua. Respingiamo al mittente l’accusa che l’acqua per uso potabile in provincia di Agrigento costa cara per colpa dei comuni che non hanno consegnato le reti idriche. L’acqua è cara perché è troppo alto il prezzo di acquisto da Sicilia Acque e troppe le perdite”.