La bozza della nuova rete ospedaliera conferma il Giovanni Paolo II di Sciacca ospedale “Spoke”

Hanno letto: 140

“La bozza della nuova Rete Ospedaliera, tuttora in fase di elaborazione presso l’assessorato alla Salute, per quanto riguarda il Giovanni Paolo II di Sciacca conferma le previsioni del precedente documento, quello firmato da Baldo Gucciardi e approvato dal Ministero della Salute e dal Mef”.

A rivelarlo è oggi Michele Catanzaro, Deputato all’Ars del Partito Democratico il quale, nell’esercizio delle sue prerogative, ha chiesto di potere visionare il documento che sarà presentato dall’assessore Ruggero Razza. “Ieri – dice Catanzaro – dopo la bellissima cerimonia della consegna dell’incubatrice donata dall’associazione Orazio Capurro Amore per la Vita, sono andato a Palermo, in sede di Assessorato. Ho appreso così che quello di Sciacca rimane ospedale spoke, e che la disponibilità dei posti letto registrerà perfino un leggero miglioramento”, spiega Catanzaro. Il quale annuncia che vigilerà, insieme al resto del gruppo parlamentare del PD, affinché i predetti impegni vengano confermati sia in sede di consultazione sindacale, sia in sede di Commissione permanente, per poi prestare la massima attenzione all’esame in aula.

“Rimane pacifico – aggiunge il deputato – che in attesa di questi riconoscimenti, occorre che l’ospedale di Sciacca migliori la sua offerta sanitaria, cosa per la quale occorre intensificare le procedure di stabilizzazione del personale, permettendo al management di avere più strumenti a disposizione per poter dotare questo presidio di operatori sanitari preparati ma anche motivati”.

L’onorevole Catanzaro esprime apprezzamento nei confronti dell’associazione “Orazio Capurro” per lo straordinario lavoro fatto in memoria del proprio congiunto.