Lavoratori socialmente utili, contratto per il 2018 con i fondi comunali in attesa di nuove prospettive

La Giunta comunale ha deliberato la prosecuzione del rapporto di lavoro con 80 ex Lsu, in servizio al Comune, dal 2016 contrattualizzati con fondi a carico del Ministero del Lavoro e che, in vista delle prossime scadenze, si sarebbero trovati senza alcun contratto nei
primi mesi del 2018. Ne danno comunicazione il sindaco Francesca Valenti e l’assessore
al Personale Gioacchino Settecasi.

L’Amministrazione comunale ha incontrato, ieri mattina in Sala Blasco, gli 81 ex Lsu attualmente in servizio (uno andrà in pensione fra poco) per illustrare la situazione. Ai
lavoratori, l’assessore Gioacchino Settecasi ha prospettato per il futuro tre diverse
soluzioni: il ritorno allo status di LSU per poter sperare di attingere nuovamente ai contributi ministeriali; la prosecuzione del rapporto di lavoro a tempo determinato; l’eventuale stabilizzazione a tempo indeterminato.

L’assessore Settecasi ha comunicato che gli uffici stanno lavorando prevalentemente per la realizzazione della stabilizzazione definitiva. Tuttavia, si tratta di una possibilità da
poco introdotta grazie al decreto Madia, entrato in vigore il 22 giugno di quest’anno, a cui si aggiunge una corposa circolare della Funzione Pubblica del 23 novembre. Per queste ragioni, come hanno spiegato il dirigente del Settore Affari Generali Michele Todaro e il funzionario Rosario La Rovere, gli uffici devono ancora verificare l’esistenza di tutte le condizioni giuridiche per la sua realizzazione.

Nel frattempo, evidenziano il sindaco Francesca Valenti e l’assessore Gioacchino Settecasi, l’Amministrazione comunale ha voluto dare serenità ai lavoratori garantendo, con propri fondi, la prosecuzione del servizio fino a tutto il 2018 sperando di poter risolvere
definitivamente l’ormai ventennale questione LSU del Comune di Sciacca.