Lido Salus, Comune di Sciacca chiede alla Regione di rivalutare lo stato delle acque del tratto di mare

Hanno letto: 176

L’attivazione di tutte le procedure che consentano di appurare il non inquinamento del Lido Salus, effettuando i necessari prelievi, al fine di riconsiderare l’attuale stato di qualità delle acque e di giungere così alla dichiarazione di balneabilità di questo tratto di costa saccense. È quanto ha chiesto il sindaco Francesca Valenti in una lettera inviata all’Assessorato regionale alla Salute e all’Asp di Agrigento.

Il Lido Salus – dice il sindaco Francesca Valenti – anche quest’anno è stato inserito nel decreto assessoriale tra i tratti di costa vietati alla balneazione, così come avvenuto in passato. Questo tratto di litorale – rileva il sindaco – è situato tra località dichiarate regolarmente balneabili a seguito di regolare e continuo monitoraggio. Cosa che invece non risulta avvenga ormai da tempo per il Lido Salus, da quando in città non era in funzione l’impianto di depurazione. Da qui la richiesta del sindaco alla Regione e all’Asp: si ritorni ad analizzare le acque di questo storico sito, inserendolo tra le località balneari da monitorare continuamente, per restituirlo alla balneabilità.