I minori al processo confermano le accuse al sambucese accusato di abusi sessuali

Nell’udienza che si è svolta al Tribunale di Sciacca i due minori che avrebbero subito abusi sessuali da Vito Mangiaracina, di 64 anni, di Sambuca, hanno confermato tutto. Il processo si svolge a porte chiuse e Mangiaracina, che era presente in aula, è in carcere da ottobre del 2015, quando è scattato, a suo carico, l’arresto operato dai carabinieri della compagnia di Sciacca al termine di articolate indagini, svolte anche attraverso intercettazioni ambientali. I carabinieri lo hanno notato, durante un servizio, intrattenersi con un ragazzo all’interno di un esercizio pubblico e, successivamente, transitare a bordo della propria autovettura. Nella prossima udienza, il 15 marzo, sarà sentito l’imputato. Mangiaracina, assistito dagli avvocati Ignazio Fiore e Mauro Tirnetta, ha chiesto di essere sottoposto ad esame.