Il riberese Andreatto resta ai domiciliari e il saccense Di Giovanna rimesso in libertà dal Riesame

Sandro Andreatto, di 23 anni, di Ribera, che era stato arrestato per evasione dagli agenti del commissariato di polizia di Sciacca, resta ai domiciliari. Lo ha disposto il Gip del Tribunale di Sciacca, Alberto Davico, in sede di convalida. La Procura della Repubblica chiedeva anche il braccialetto elettronico. Il giovane non si era fermato all’alt della polizia in contrada Piana Scunchipani. E’ difeso dall’avvocato Francesco Di Giovanna che assiste anche Marco Di Giovanna, di 24 anni, di Sciacca, rimesso in libertà, invece, dal Tribunale del Riesame di Palermo che ha accolto la richiesta della difesa. Marco Di Giovanna si trovava ai domiciliari da qualche settimana, quando era stato fermato, assieme a un ventenne di Sciacca, denunciato, dai carabinieri che hanno sequestrato 300 grammi di hashish. Marco Di Giovanna ha sempre sostenuto di non sapere nulla di quello stupefacente e il Riesame ha accolto la richiesta di revoca della misura, disponendone la remissione in libertà.

Nella foto, l’avvocato Francesco Di Giovanna