A Sciacca svuotati i cassonetti, ma i rifiuti sono rimasti sugli autocompattatori in attesa di trovare una discarica

I cassonetti sono stati svuotati, questa mattina, a Sciacca, ma l’immondizia è rimasta sugli autocompattatori. Non c’è, infatti, una discarica, al momento, che può accogliere i rifiuti di Sciacca. Un guasto al tritovagliatore ha determinato la chiusura della discarica “Salinella-Saraceno” di Sciacca, bloccando la raccolta dell’indifferenziata. Sciacca risulta maggiormente penalizzata rispetto agli altri comuni dell’Ato perchè ha una percentuale molto bassa di differenziata, inferiore al 30 per cento. E il quantitativo dell’umido nei rifiuti anziché diminuire sta crescendo nelle ultime settimane. Bisognerà trovare una soluzione entro un paio di giorni per consentire agli autocompattatori di liberarsi dei rifiuti e avviare le nuove raccolte. L’ultimo spazio disponibile sui mezzi,m come fanno sapere questa mattina dalla Bono slp, verrà esaurito con la raccolta di domani mattina solo nel centro storico. Insomma, come ha detto ieri l’assessore comunale all’Ambiente, Paolo Mandracchia: “Siamo nei guai”.