Sondaggio su FB tra due carri allegorici: uno di Sciacca e l’altro di Acireale. Polemiche in rete dopo che numerosi saccensi hanno votato per il carro acese

Hanno letto: 1514

Si sa, a Sciacca il Carnevale appassiona. Ma, ahimè, talvolta fa anche litigare. Accade così che un sondaggio d’opinione, pubblicato sulla pagina Facebook dei “Carnevali d’Italia”, ha messo a confronto un carro allegorico di Acireale e uno di Sciacca. Nella fattispecie si tratta di “Mezzogiorno di fuoco”, dell’associazione “La Nuova Isola”. Agli utenti del social network l’ardito compito di votare il lavoro più bello. Ma il voto, ahimè, non è “segreto”. Ed è così che si è scoperto in poco tempo che tra i sostenitori del carro acese ci sono molti saccensi. Non solo: ci sono anche responsabili di associazioni culturali concorrenti de “La Nuova Isola”.  Si è scatenato il dibattito, che risente, diciamocelo, dell’esito della votazione finale dell’ultimo concorso. È indubitabile, tuttavia, che il gusto estetico, pur essendo soggettivo, induca a qualche dubbio. Tra i due carri, e non è per sciovinismo in salsa sciacchitana o per tifo fine a se stesso, non sembra ci siano grossi dubbi: il più completo sembra nettamente quello dell’associazione di Vincenzo Cucchiara. Eppure c’è stato chi, legittimamente, s’intende, da Sciacca gli ha preferito quello di Acireale. Al momento il sondaggio, per quella che potrà valere la “vittoria”, s’intende, vede in vantaggio i ragazzi di Sciacca, giunti terzi all’ultimo Carnevale (con annesse polemiche). Mancano cinque giorni alla fine della consultazione. Alla fine degli scontri e delle polemiche, invece, manca ancora un’eternità. E pur di fare un dispetto a Luna, Perollo andò in soccorso dello straniero.