Tappetino parco giochi Perriera, il M5S: “L’amministrazione ha impiegato sei mesi per una soluzione

 “A guardare il lavoro finito, non si capisce bene se ridere o piangere”. E’ l’opinione del Movimento Cinque Stelle riguardo il manto erboso artificiale che l’amministrazione comunale di Sciacca ha collocato con un intervento di ripristino al parco giochi di contrada Perriera.
“Risulta vistosamente logoro – scrivono in una nota i pentastellati –  rattoppato alla meglio e collocato in maniera irregolare, tanto da non consentire ai bambini un agevole spostamento su di esso, inoltre molto probabilmente non e’ nemmeno anti-trauma. Era il 30 settembre del 2017 quando abbiamo appreso che l’Amministrazione comunale avrebbe provveduto al ripristino del tappetino del parco giochi della Perriera, l’unico presente all’interno del territorio comunale. L’impegno assunto dal Sindaco faceva seguito a una nostra proposta di intervento, supportata da un progetto tecnico, tramite cui chiedevamo l’autorizzazione per eseguire l’installazione del tappetino a spese del M5S Sciacca, ma tale proposta fu respinta per motivi ancora difficili da capire, forse per una mera questione di immagine politica”.
“Noi accettammo – ricordano i grillini –  tale soluzione senza polemica alcuna, anzi contenti di aver raggiunto l’obiettivo: i nostri bambini avrebbero avuto finalmente un luogo sicuro dove giocare. In questi mesi siamo intervenuti ad onor del vero per sollecitare l’installazione del manto erboso artificiale che inspiegabilmente e’ avvenuta solo qualche giorno fa, dopo ben 6 mesi di attesa. Il tappeto installato e’ stato donato da un’impresa privata che non avrebbe potuto piu’ impiegarlo negli impianti sportivi di cui si occupa, ma che in teoria poteva essere riutilizzato senza alcun problema nel nostro parco giochi”.
Il Movimento chiude la nota chiedendosi se ei componenti della nostra Amministrazione comunale avrebbero mai consentito l’installazione di un tappeto in queste condizioni in un giardino di loro proprieta’.
E ancora tra gli interrogativi finali posti dal M5S: “Ci chiediamo – scrivono ancora – se ritengono sia questo il modo di trattare i nostri bambini, cui dovremmo cercare di dare sempre il massimo.Ci chiediamo se e’ questa l’immagine che l’Amministrazione vuole offrire della nostra Sciacca.Ci chiediamo se ritengono dignitosa la soluzione fornita o se ne vogliono trovare una nuova in un intervallo di tempo ragionevole che non sia lungo 6 mesi”.