Torna in libertà il pensionato accusato dell’omicidio stradale di Leo D’Amico al Giro d’Italia

Hanno letto: 791

E’ tornato in libertà Gaetano Agozzino, il pensionato 70enne rimasto coinvolto nell’incidente stradale che costò la vita al 48enne Leonardo D’Amico. Il fatto si è verificato il 9 maggio scorso, durante la tappa del giro d’Italia.

Agozzino è indagato per il reato di omicidio stradale, è stato arrestato qualche ora dopo il tragico incidente.  Il pensionato è accusato di avere forzato il blocco stradale all’altezza del bivio di Maddalusa, sulla statale 640 e ha travolto in strada il motociclista sambucese, deceduto poi dopo alcune settimane di agonia all’ospedale di Caltanissetta dove era stato ricoverato d’urgenza dopo il terribile impatto.

A quanto pare, l’uomo sarebbe stato liberato per scadenza dei termini della custodia cautelare.