Il Liceo Classico Fazello incontra la scrittrice Andrea Marcolongo: “Siamo tutti eroi delle nostre vite”

Per raggiungere l’empatia con Andrea Marcolongo servono soltanto pochi istanti. Per gli studenti del Liceo Classico Fazello che oggi hanno potuto averla come ospite nell’Aula Magna della loro scuola, probabilmente ancora meno perché la scrittrice, vera rivelazione dell’editoria italiana degli ultimi anni con un numero impressionante di copie vendute nel mondo, parla alle scolaresche esattamente come se fosse una di loro e non la trentenne di grande successo che è.

Così ti racconta dei tre che prendeva in greco, del suo brutto approccio con una lingua antica che oggi il mondo connesso e innovativo quasi per clichè rifiuta e poi, l’amore e di quanto è umano è avere paura dinnanzi alle cose importanti.

Prima di diventare scrittrice da milioni di copie, Andrea Marcolongo che ha vissuto in paesi e città diverse, ha fatto la barista, ha tenuto ripetizioni private di greco ed è stata ghostwriter di Matteo Renzi, firmando il discorso sulla “generazione Telemaco”.

Nel nuovo libro “La misura eroica”, edito da Mondadori, evento letterario organizzato e curato dalla libreria Ubik di Ornella Gulino , che è stato presentato agli studenti del liceo, Andrea Marcolongo ci racconta gli eroi. Ovvero non coloro che non cadono mai piuttosto quelli che si rialzano sempre, che non si negano alla vita e che prendono il mare per andare incontro al destino, alla conoscenza, magari per salvare il proprio padre e trovare l’amore.