Menfi si prepara a un fine settimana dedicato alla cultura con “Le Federiciane”

Venerdì 8 e sabato 9 settembre torneranno a Menfi Le Federiciane, manifestazione di approfondimento culturale organizzata e promossa dall’Istituzione Culturale
Federico II di Menfi con il patrocinio del Comune.
Si tratta di un evento culturale che, parlando e raccontando di territorio, guarda ad un pubblico il più trasversale e vario possibile.
La piazza Vittorio Emanuele e gli spazi limitrofi saranno il palcoscenico sul quale, per due interi giorni, si intreccerà il
ricchissimo programma di appuntamento culturale tutto da scoprire fra arte, fotografia, scrittura creativa, degustazioni tecniche, convegni e molto altro.
Venerdì 8, dalle 9,30 alle 17, in Piazza, artist e disegnatori animeranno l’estemporanea di pittura Luci e ombre nelle terre del mare d’Africa, organizzata con la collaborazione
dell’associazione Culturale Il Cenacolo. Le migliori opere verranno premiate. Nell’atrio del palazzo comunale, dalle 10
alle 23, sarà allestita, a cura di Alice Sanzillo, una  mostra fotografica per immagini, visitabile anche per tutta la giornata successiva.
Alle 16,30, nell’aula consiliare, partirà il corso di scrittura creativa della Scuola Carver, istituzione, nata a Livorno nel 2014, dedicata all’esperienza della lettura e della scrittura, con un’ampia proposta didattica.  Dalle 18 alle 19,30, anche il giorno seguente, due importanti e simpatici momenti didattici. Presso la biblioteca comunale va in scena Nati per leggere, laboratorio di lettura dedicato a bambini fra i
tre ed i cinque anni; a palazzo Pignatelli si parla invece inglese con L’Inglese a Palazzo, grazie alle lezioni dedicate a grandi e piccini dell’Oxford College MITA e di SLOAN, Scuola d’Inglese.
Dalle 18, la piazza riecheggerà di Uno, nessuno, centomila suoni: all’ingresso della Torre Federiciana si terranno infatti le esibizioni concertistiche degli allievi Scuola di Musica Palminteri di Menfi e della Scuola di Musica Lo Nigro di Bivona. Alle 18,30, sul Teatro Terrazza della Chiesa Madre, in
scena il concerto Arcobaleno di note. Le Federiciane saranno anche un momento di incontro e confronto con il mondo dell’editoria. Dalle 18 alle 23, piazza Vittorio Emanuele ospiterà un serratissimo susseguirsi di presentazioni di
libri, incontri con gli autori, testimonianze dei librai e confronti con gli editori: Una piazza di libri.  Nove editori saranno presenti, nella due giorni, con i loro libri e le loro esperienze in stand che diventeranno crocevia culturali.

Alle 19,30, nell’atrio di Palazzo Pignatelli, avrà luogo Da paese in paese: Quando il territorio è una scelta, il primo dei tre convegni de Le Federiciane che, grazie alle video interviste di Salvo Ognibene, pone l’attenzione sulle percezioni che nativi e nuovi menfitani hanno del territorio e sulle potenzialità che ad esso vengono riconosciute per il proprio sviluppo. A moderare il parterre di ospiti, fra cui il Prefetto di Agrigento, Nicola Diomede, ed il Presidente del Movimento Turismo del Vino, Carlo Pietrasanta, Joseph Ejarque, specialista in Destination Management & Marketing.

Alle 21,30, nel cortile di Palazzo Pignatelli, in seno alla rassegna Teatro nel teatro: omaggio a Pirandello, le compagnie teatrali Burgio Millusio e B. Gagliano metteranno in scena La corda pazza.

Sabato 9 settembre, in tutto lo spazio coinvolto dalla manifestazione, dalle 9:30, I maestri del colore V. Alesi, G. Bua, S. Caracozzo, P. Catherine, M. Mosa, G. Rizzo e T. Serra, con la collaborazione dell’Associazione Culturale Il Cenacolo, daranno vita ad una sessione di pittura en plein air per contribuire alla costituenda pinacoteca civica d’arte contemporanea. La cerimonia di consegna delle tele realizzate avverrà, con la partecipazione dell’esperto d’arte F. Dell’Utri, alle 17 presso l’atrio del Palazzo di Città.

Alle 9.30, presso l’Oleificio La Goccia d’oro, degustazione di oli internazionali, per massimo una dozzina di assaggiatori esperti, guidata da Maria Paola Gabusi, direttrice del Concorso Internazionale Leone d’Oro dei Mastri Oleari. Si degusteranno prodotti dalla Cina alla Spagna, passando dalla California, vincitori di categoria o Gran Menzioni del Leone d’Oro dei Mastri Oleari. Dalle 10 alle 13, nel Palazzo di Città, secondo appuntamento del corso di scrittura creativa della Scuola Carver.

Alle 11,30 entra in scena l’olio Evo, eccellenza territoriale ed oggetto di confronto culturale e produttivo protagonista di questa giornata. Presso l’Oleificio Li Petri, su prenotazione e fino ad un massimo di 25 partecipanti, sarà possibile partecipare alla degustazione non professionale di oli nazionali vincitori di categoria o che hanno ricevuto la Gran Menzione al Leone d’Oro dei Mastri Oleari.

Alle 10:30, presso l’atrio del Palazzo Comunale si terrà il secondo momento collegiale di approfondimento: In…segnare, il mondo della scuola a confronto moderato da Gioacchino Lavanco, Professore Ordinario di Psicologia all’Università degli Studi di Palermo.
Ancora musica, dalle 18, con le libere performance dei musicisti all’ingresso della Torre Federiciana e, dalle 18:30, con il concerto Note all’orizzonte, realizzato al Teatro della Chiesa Madre.

Alle 18 torna, in Piazza Vittorio Emanuele, Una piazza di libri con presentazione di libri di Gianmarco Aulino Editore, Verba Volant Edizioni, Dario Flaccovio Editore, Edizioni Leucotea, Navarra Editore e Libreria Ubik e tanti autori fra cui Giuseppina Torregrossa.
Alle 19, nell’atrio di palazzo Pignatelli, per il ciclo Mondi Invisibili, l’olio torna protagonista del convegno Il mondo dell’olio e L’olio del mondo, un confronto fra i protagonisti dell’olivicoltura moderato da Maria Paola Gabusi, Direttrice del Concorso Leone d’Oro dei Mastri Oleari. Fra i partecipanti il Dirigente Generale del Dipartimento Agricoltura, Gaetano Cimò,  ed il Presidente di Irvos, Vincenzo Cusimano. Alle 21,30, nel cortile di Palazzo Pignatelli, per la rassegna Teatro nel teatro: omaggio a Pirandello, va in scena, a cura della Consulta delle Donne di Menfi, Accussi è di Lucia Callaci. Ogni giorno, dalle 21,30 alle 23, in piazza, la Social Room di Giacomo Tarantino sarà il luogo ideale per commentare e rivivere, in maniera informale e insieme ai social influencer, i momenti salienti della kermesse.