Incontro a Palermo tra la docente Livreri e la sindaca Valenti, l’esperta disponibile a guidare il fronte contro l’impianto di biomasse della Moncada

Hanno letto: 606

E’ stato un lungo incontro, iniziato questa mattina alle undici e terminato poco prima del pranzo, quello tra la sindaca Francesca Valenti e la docente universitaria Patrizia Livreri a Palermo. La professoressa è la figura individuata, per curriculum ed esperienza, per dissipare i tanti dubbi attorno alla vicenda dell’impianto della Moncada Energy nella contrada Chiana Scunchipani.

L’ingegnere elettronico, membro del Consiglio Nazionale delle Ricerche, oltre che professore associato dell’ateneo palermitano, con un curriculum di tutto rispetto nel settore, si è occupata in passato anche di una consulenza per conto del Comune di Ribera per bloccare nel 2010 una centrale biomasse nel territorio crispino. L’intervento della docente all’epoca dei fatti, è stato determinante in quel caso.

La Valenti vuole rimettere nelle mani della Livreri quello che sembra un caso analogo rispetto a quello riberese, ma dai contorni differenti. Al momento, del paventato impianto nella sede dell’ex cantina Kronion di Sciacca nella contrada Piana- Scunchipani di Sciacca,  per il quale la Moncada ha chiesto due autorizzazioni agli scarichi all’ufficio tecnico del Comune di Sciacca, si conosce ben poco e su quel poco di cui si è a conoscenza, regna molta confusione. A quanto pare, potrà dunque essere risolutivo l’apporto della consulente.

Intanto, nelle more che il Comune di Sciacca definisca ed inquadri burocraticamente il rapporto con la docente Patrizia Livreri che pare, abbia già le idee abbastanza chiare sulla situazione saccense, la sindaca Valenti annuncia come prossimo step, una conferenza di servizi alla quale dovrebbero partecipare su invito anche i dirigenti del Libero Consorzio Comunale, ente al quale è stata presentata l’istanza da parte dell’imprenditore agrigentino.

(Nella foto, la docente universitaria Patrizia Livreri insieme ad Enzo Randazzo al momento del ritiro del premio Emanuele Navarro nel 2018, riconoscimento assegnato all’ingegnere nell’ambito dei Progetti e della ricerca)