Restano in carcere i due egiziani fermati a Ribera dai carabinieri per tentato omicidio

Hanno letto: 84

Il Gip del Tribunale di Sciacca, Alberto Davico, ha convalidato, questa sera, il fermo dei due egiziani indagati per tentato omicidio e disposto nei loro confronti la custodia cautelare in carcere. I due avrebbero accoltellato un romeno che si trova in gravi condizioni all’ospedale Civico di Palermo. Un altro romeno, pure accoltellato, è in condizioni meno gravi ed è stato ricoverato all’ospedale di Ribera. Nel corso Umberto di Ribera si sarebbero fronteggiati, sabato sera, tre egiziani e tre romeni. 

Restano nel carcere di Sciacca  Alì Asi Hamdi, di 26 anni, e Mohamed  Ahmed Barghout, di 18, difesi dagli avvocati Giovanni Forte e Giuseppe Tramuta.

I due hanno risposto alle domande del giudice, il ventiseienne dicendo di avere voluto difendere i suoi connazionali e il diciottenne di non avere aggredito nessuno e anzi di essere stato colpito al capo con una bottiglia.

Il giudice Alberto Davico ha accolto la richiesta avanzata dal sostituto procuratore Michele Marrone.