Chiara Calasanzio e la sua oasi per i cani a Santa Margherita Belice, esempi positivi nel territorio

Hanno letto: 810

“La mia oasi ha avuto il nulla osta da parte dell Asp veterinaria dopo l’ispezione.
Adesso siamo perfettamente in regola. E questa è una cosa che mi riempie d’orgoglio”. Buone notizie per Chiara Calasanzio che ospita una cinquantina di cani nella sua oasi di Santa Margherita Belice. Un modo diverso di prendersi cura degli animali ed a questa oasi, come ricorda Chiara Calasanzio, il Comune di Sciacca aveva provvisoriamente affidato i cani sopravvissuti alla strage. Alla giovane è stato chiesto se voleva trattenerli o restituirli per con destinazione canile ed ha deciso di tenerli. I cani continueranno a muoversi liberamente  nella sua proprietà e sarà lei a prendersene cura. Fino a quando qualcuno vorrà adottarli come accaduto, qualche giorno fa, per Thelma e Louise. Ogni tanto anche una bella notizia che riguarda i cani nel territorio mentre a Sciacca si attende che le nuove iniziative avviate dal Comune, il rapporto con la Lav, possano dare benefici. Ad oggi, domenica 7 ottobre, ci sono zone della città nelle quali bisogna assumere un rischio notevole se si decide di andare a piedi e branchi di cani randagi si vedono sempre più spesso anche nel centro storico.  Uno dei cani di Chiara Calasanzio è stato per settimane sul tavolo di conduzione di “Striscia la notizia”.

Nella foto, Chiara Calasanzio con Thelma e Louise