Le donne in consiglio scuotono i numeri della maggioranza: prima la Gulotta, ora la Deliberto e domani, forse la Santangelo si dichiarano indipendenti

Hanno letto: 398

“Reputo  sia giunto il momento di lasciare il gruppo Uniti per Sciacca e dichiarami indipendente”. E’ quanto ha fatto sapere alla stampa questa mattina il consigliere comunale Cinzia Deliberto.

In realtà la sua fuoriuscita dal gruppo, “Uniti per Sciacca”, si vociferava da tempo e l’azzeramento che ha portato fuori dalla giunta l’assessore Paolo Mandracchia, amministratore rappresentante del gruppo a favore dell’ingresso dell’altro esponente Fabio Leonte, ha definitivamente inclinato i rapporti all’interno.

“Mantenendo ferma e salda la mia identità e storia politica – scrive la Deliberto –  in un’ottica di trasparenza e coerenza e mia responsabilità come consigliere di maggioranza continuare a dare fiducia al Sindaco. Credo che possano ancora, avvenire dei cambiamenti. Le vicissitudini, in seno alla maggioranza non incideranno in alcun modo sugli oneri ed onori scaturiti dalla mia carica istituzionale”.

Il gruppo “Uniti per Sciacca”, dalle indiscrezioni delle ultime ore, non sarebbe l’unico gruppo di maggioranza pronto a sfaldarsi e il consigliere comunale Deliberto non sarebbe la sola componente di maggioranza pronta a dichiararsi tale. Anche Carmela Santangelo, a breve, ancor prima del prossimo consiglio, sarebbe pronta a fare delle dichiarazioni in tal senso. Valeria Gulotta, invece è stata la prima a lasciare il suo gruppo “Sciacca e Democratica” dichiarandosi indipendente.

“È una decisione – ha ribadito la Deliberto-  che ho maturato dopo mesi di profonda riflessione, troppe volte l’immagine mostrata cerca sempre di farla da padrona nella nostra società”.Ribadisco la mia volontà di sostenere il sindaco e di garantire il supporto alla maggioranza, rispetto a tutte quelle iniziative, che riterrò importanti ed a favore della cittadinanza”.

Intanto, c’è attesa per la prossima seduta del consiglio comunale di Sciacca, fissata per giovedì. Si tratta del primo consiglio comunale dopo la sostituzione di tutti gli assessori e durante la quale ci sarà il dibattito politico con le comunicazioni della stessa sindaca che a questo punto, in aula Falcone-Borsellino, potrebbe trovare assetti completamente diversi.