Michele Catanzaro contro lo slogan del PD: “Ospedali e pronto soccorso più efficienti? Messaggio in conflitto con la verità”

Sta creando imbarazzo a Sciacca la campagna a suon di poster 6×3 affissi in tutta la Sicilia dal Partito Democratico. Quasi come suggello dei cinque anni che ci stiamo lasciando dietro le spalle, il PD indica alcuni obiettivi che, a dire dei dirigenti democratici sarebbero stati raggiunti, con il timbro “Fatto”, che richiama alla memoria perfino i poster del “presidente operaio” in stile berlusconiano. Uno di questi poster sostiene, addirittura, che i concorsi in Sanità sarebbero stati sbloccati, e che gli ospedali e i pronto soccorso (il riferimento è, evidentemente, a quelli pubblici) sarebbero addirittura più efficienti. A Sciacca un messaggio del genere è come parlare di corda in casa dell’impiccato. E via, sui social, è scattata l’ironia e gli attacchi. Tutto questo non è sfuggito al segretario del PD di Sciacca Michele Catanzaro, che poco fa ha diramato una nota: “I contenuti – ha detto – di una parte della campagna di comunicazione del Partito Democratico in vista delle prossime elezioni regionali mi vedono assai perplesso. Il messaggio sugli ospedali e sui pronto soccorso – ragiona Catanzaro – non può passare inosservato in una realtà, quella di Sciacca, che purtroppo registra un forte malessere popolare, che i nostri amici e compagni a livello locale hanno faticato oltremisura a gestire”. Catanzaro si dice certo che, sebbene nell’ambito di grosse difficoltà, il Governo uscente, e la coalizione politica di centrosinistra abbiano gettato le basi di un rilancio della Sanità i cui risultati, probabilmente, non tarderanno a concretizzarsi. “Ma il messaggio attuale – aggiunge il segretario del Pd – è in conflitto con la realtà, giungendo in una fase nella quale l’area di emergenza dell’ospedale Giovanni Paolo II di Sciacca ha scarsa disponibilità di medici costretti a turni di lavoro disumani”. Insomma: Michele Catanzaro non ci sta a fare da parafulmine del malcontento della gente. E si appella ai dirigenti regionali del PD: “Il nostro è un partito di governo, e deve lanciare messaggi chiari e perfettamente corrispondenti alla realtà. Sono certo che si adotteranno i necessari correttivi, nel segno di una superiore credibilità del programma che, il nostro candidato Fabrizio Micari, riuscirà a far vincere e, soprattutto, a concretizzare”.