Si assottiglia la lista dei papabili candidati grillini. Spunta fuori il nome del medico Rino Marinello

Si assottiglia sempre più la lista dei nomi per la scelta del candidato a sindaco di Sciacca del Movimento Cinque Stelle. Il gruppo di papabili, infatti, si è ristretto. È quanto viene fuori anche dalla stessa campagna La Sciacca che vorrei, la consultazione popolare voluta dal capogruppo all’Ars Matteo Mangiacavallo per individuare il candidato più gradito agli elettori. Le indiscrezioni delle ultime ore vedono venire fuori nuove opzioni, dopo quella tutt’altro che “retrocessa” dell’insegnante e solista degli Skarafunia Alessandro Mucaria che, dunque, rimane tra le scelte più accreditate dal gruppo dirigente del M5S. Restano in piedi però anche altre ipotesi: da quella del cardiologo Giovanni Di Vita, a quella dell’ingegnere Mario Di Giovanna. Si parla sempre di Angelo Serra, stretto collaboratore di Mangiacavallo e del gruppo parlamentare del M5S a Palazzo dei Normanni, e di Dorenzo Navarra, anche se l’insegnante, animatore dell’associazione Insegnanti in movimento ha recentemente smentito di poter essere della partita. Tuttavia nelle ultime ore stanno venendo fuori ulteriori possibilità, a partire da quella che potrebbe vedere protagonista di una candidatura a sindaco il legale Giuseppe Livio, Segretario del Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Sciacca. Si parla anche di un altro avvocato, Leonardo Palagonia, ma si parla con sempre maggiore insistenza anche di Rino Marinello, medico ospedaliero, ma anche impegnato nel sociale, sia attraverso l’associazione “Basta poco per farli sorridere”, che lo ha visto lavorare in favore dei bambini africani, sia attraverso l’associazione “Sciacca pulita”. Ma tra coloro che sono pronti a spendersi per la causa pentastellata a Sciacca c’è anche Nino Vitale, assistente amministrativo, militante grillino della primissima ora. Si fa anche il nome di una donna: quello di Ivana Dimino, psicologa, presidente dell’associazione “L’Acquario”, che recentemente si è avvicinata al Movimento Cinquestelle Una decisione finale si attende per metà marzo. Decisione finale che, come abbiamo avuto modo più volte di sottolineare, è attesa dagli altri schieramenti, tuttora al lavoro per cercare di essere competitivi per una campagna elettorale, la prossima, che si annuncia (soprattutto per loro) più che difficile.