Stagione turistica al via, Termine:”La Valenti convochi un tavolo sull’imposta di soggiorno oppure metta fine all’azione amministrativa”

Hanno letto: 137

Con l’apertura dei più importanti complessi turistici del territorio, è ufficialmente partita la stagione turistica 2019. Da questa considerazione nascono le richieste del consigliere di opposizione Fabio Termine che oggi attacca l’amministrazione sull’imposta di soggiorno.

“Il Sindaco – scrive Termine – Francesca Valenti non aspetti oltre: convochi il tavolo tecnico sull’imposta di soggiorno. Cosa che, nell’ottica di una necessaria programmazione, avrebbe dovuto e potuto fare già dai primi giorni del nuovo anno. Tavolo del quale anche io faccio parte, come Presidente della commissione consiliare turismo. Ed è ormai da troppe settimane che attendo, insieme ai rappresentanti delle strutture ricettive e tanti altri, questo momento di incontro per organizzare, con un minimo di cognizione e con i dovuti tempi, la giusta spesa dell’imposta di soggiorno per i servizi relativi alla stagione turistica già iniziata. I tempi della città son ben diversi dai tempi di qualsiasi compagine politica. Si può congelare l’assessore Tulone, ma non di certo, l’attività amministrativa. Che si prendano, la Valenti & Co., tutto il tempo che vogliono per individuare l’ennesimo assessore: questo nuovo cambio in corsa con relative beghe interne però, non deve in alcun modo ricadere ancora una volta sullo sviluppo e sull’amministrazione della città”.

Il consigliere Termine, infine fa un elenco di cose che secondo lui il sindaco, se vuole amministrare, oggi ha il dovere di evitare un’altra stagione:

“▪ di accessi al mare disorganizzati e non utili a chi fa impresa
▪ di aree parcheggio assenti nei lidi
▪ di ZTL tardiva, disorganizzata e inefficiente
▪ di passerelle per i diversamente abili dimenticate
▪ di cartelloni di eventi presentati in estate inoltrata
▪ di promozione (appena 7.000 Euro spesi su 800.000 Euro di gettito!) praticamente inesistente.. e di tanto altro”.

In attesa del nuovo assessore, faccia ciò che è di sua esclusiva competenza, convocare e presiedere il tavolo tecnico, se non vuole congelare, insieme all’assessore Tulone, anche l’intera attività amministrativa”.