Inizia il campionato di calcio di Prima categoria e lo Sciacca non può disporre della tribuna dello stadio, Bonsignore: “Possiamo aspettare soltanto una o due settimane”

Hanno letto: 265

Domenica 7 ottobre inizierà il campionato di calcio di Prima categoria, lo Sciacca disputerà in trasferta la prima partita, ma non c’è ancora l’autorizzazione a poter aprire le porte dell’impianto al pubblico, concedendo l’accesso alla tribuna. I lavori, secondo quanto comunicato dal presidente della società, Gaspare Bonsignore, sono stati completati, ma non c’è ancora il via libera all’accesso degli spettatori allo stadio. Era stato il sindaco, Francesca Valenti, ad impegnarsi con la società per far completare tutto entro il 30 settembre. “Noi abbiamo fatto tutto quanto di nostra competenza – afferma il presidente Bonsignore – e presentato la documentazione che ci compete alla polizia. Il Comune deve svolgere gli adempimenti di propria competenza. Disporre della tribuna rimane condizione imprescindibile per andare avanti e possiamo aspettare una o due settimane, non di più”. Lo Sciacca è penalizzato anche dalla mancanza di un impianto con illuminazione visto che gli allenamenti vengono svolti di sera (la maggior parte dei calciatori durante il giorno lavorano), ma sia il Gurrera che il campo Giuffrè non hanno un impianto di illuminazione funzionante.