Lo Sciacca a un passo dalla rottura con il bomber Bongiovì e domani partita a porte chiuse

Domani lo Sciacca torna in campo, al Gurrera, contro il Real Unione, dopo la sosta di due settimane del campionato di Prima categoria, e rischia di non schierare l’attaccante Alessandro Bongiovì, protagonista delle ultime prestazioni dei verdenero. “La società è molto delusa e infastidita dal comportamento del calciatore – dice il presidente, Enrico Mercurio –  che senza avviso o comunicazione ha deciso di non venire piu’ da quando è iniziato il Carnevale saccense. Non fornendo alcuna spiegazione, ha lasciato i compagni da 20 giorni. Loro si sono regolarmente allenati e non ha risposto ad alcun invito della società a fornire chiarimenti. Non vi sono questioni economiche – aggiunge Mercurio –  visto che il suo accordo era a costo zero in quanto la società ha dovuto pagare un prestito a titolo oneroso alla Folgore Selinunte per la stagione. Oltre al danno di non poterlo schierare in un momento delicatissimo per lo Sciacca la beffa di aver pagato il prestito e non poter usufruire delle sue prestazioni”. La partita di domani al Gurrera sarà disputata a porte chiuse per problemi riguardanti l’autorizzazione alla nuova società.