Al via il nuovo sistema di raccolta differenziata in centro, timido esordio e cittadini disorientati e disinformati

Hanno letto: 382

Hanno fatto capolino per la prima volta per le strade del centro storico di Sciacca i bidoncini in dotazione con il nuovo sistema di raccolta del piano Aro. Un esordio timido, poche le utenze che hanno esposto il mastello giallo questa mattina e un po’ confuso. Erano ancora molti i rifiuti esposti col sacchetto penzolante dal balcone.

Mentre non cessano le fila di cittadini in coda per il ritiro dei mastelli nei due punti di distribuzione. Molti cittadini lamentano di non essere ancora a conoscenza delle regole del nuovo sistema di conferimento, mentre altri sembrano disorientati nell’applicazione delle corrette regole per la raccolta differenziata.

Intanto, nelle prossime settimane il servizio sarà avviato anche in altre zone della città coinvolgendo quartieri più estesi come la Perriera e il Ferraro.

L’assessore all’ecologia e ambiente, Paolo Mandracchia aveva annunciato già i primi controlli ed eventuali prime sanzioni a partire proprio da oggi, ma al momento, risultano soltanto le annotazioni dei cittadini che lamentano il mancato utilizzo del lettore ottico per il ritiro dei rifiuti da parte degli operatori.

“Tramite lettura ottica – segnalano alcuni cittadini alla nostra redazione –  al sistema centrale di raccolta dovrebbero arrivare i dati di ogni singola utenza e ciò che, realmente, ha conferito. Solo così ciascuno di noi andrebbe a pagare per i rifiuti che ha ”versato”, diversamente è una totale presa in giro ed una perdita di tempo… Ad occhio come si fa a vedere se questa differenziata é fatta bene oppure no? Se i bidoni sono dotati di un codice, ci sarà un motivo”. .