L’ex vice sindaco Bellanca: “L’azzeramento? “Un progetto preciso”. Rabbia per i miei 500 elettori”

Hanno letto: 877

Conferenza stampa consumata tra thé, caffè e dolcetti alle diciassette in punto nella hall dell’hotel Melqart. D’altronde l’ex vice sindaco della città di Sciacca, silurato appena sette giorni fa insieme al resto della giunta che nel giugno del 2017 fa aveva portato alla vittoria Francesca Valenti, ha passato gli ultimi giorni in silenzio in attesa che si consumassero gli ultimi passaggi con l’affidamento delle nuove nomine. Oggi pomeriggio ha deciso, invece di incontrare la stampa per spiegare meglio  i passaggi di quello che ha definito “uno dei momenti politici e personali più difficili”.

“Un progetto preciso – ha detto l’ex amministratore rispondendo alla domande dei giornalisti  – quello che ha portato all’azzeramento. Ho fatto principalmente un errore: sono stato leale al mio gruppo politico e leale rispetto al ruolo che ero stato chiamato a svolgere. Tre mesi fa avevo presentato le mie dimissioni da assessore al tavolo della sindaca Valenti che appena novanta giorni fa aveva respinto la mia scelta e che aveva anche garantito la mia presenza in giunta dando il via alle mie dimissioni da consigliere comunale, arrivate dopo continue sollecitazioni da parte del mio gruppo politico”.

Qui di seguito vi proponiamo l’intervista in integrale che potete trovare anche sulla pagina Facebook di Risoluto.it