Migliaia di proprietari di terreni agricoli di Sciacca lanciano un grido d’allarme: “Il costo dell’acqua e della bonifica è insostenibile”

Hanno letto: 254

Il Copagri con Nino Indelicato si è fatto portavoce di un’iniziativa, avviata assieme a Confagricoltura, Uci, Cia, Unsic e comitato spontaneo, finalizzata ad ottenere un intervento della Regione sulla problematica del costo dell’acqua per usi irrigui.

A Sciacca sono circa 10 mila i proprietari di terreni agricoli interessati e 19.100 gli ettari interessati. “Chiediamo almeno di essere trattati come altre province siciliane”, dice Nino Indelicato, presidente del Copagri Agrigento, che ha rilasciato un’intervista a Risoluto.it.

Avviata anche una raccolta di firme di agricoltori nelle aree del Saccense, del Menfitano, del Riberese e nelle aree limitrofe “contro l’aumento indiscriminato ed eccessivo dell’acqua per usi irrigui e contro l’aumento dell’importo della quota di bonifica”.