Sciacca in affanno per l’approvvigionamento,ma l’acqua dei pozzi saccensi in interconnessione con altri comuni

E’ stato uno dei passaggi più tesi durante l’incontro di ieri tra la sindaca Francesca Valenti e l’amministrazione comunale, da un lato, e i vertici di Girgenti Acque dall’altro. L’oggetto delle domande più incalzanti della sindaca, si aprono dopo l’intervento del consigliere Calogero Bono che chiede numi al gestore circa il mancato utilizzo dell’acqua della diga Garcia della “Sicilia Acque”, società dalla quale Girgenti Acque compra la risorsa idrica.

La prima cittadina ha chiesto, dunque, se durante l’ultimo mese, proprio quando la città ha accusato forti carenze e difficoltà, i pozzi di Sciacca sono stati utilizzati dal gestore per alimentare altri comuni.

” Si – ha risposto Ponzo – le risorse dell’intera provincia sono in interconnessione, pertanto, l’acqua saccense può essere utilizzata verso altri comuni”.

Risposta quest’ultima che ha suscitato malumori e critiche in aula… “Ma se la città era in sofferenza – ha sbottato in risposta la sindaca –  come è che le nostre risorse vengono interconnesse?”