12 C
Comune di Sciacca

Incendi, la Regione avverte i Comuni sui rischi idrogeologici

Pubblicato:

A seguito degli incendi divampati in questi mesi in Sicilia, la Regione ha richiamato gli enti locali all’osservanza della direttiva sul rischio idrogeologico del territorio emanata dall’Autorità di bacino. I roghi, oltre a devastare il territorio, possono avere un impatto anche da un punto di vista idrogeologico. Nella nota diramata oggi dalla Regione Siciliana si legge:

Il rischio, infatti, è che una minore capacità di ricezione delle acque piovane, causata da ostruzioni dovute a tronchi, massi e altri materiali trascinati a valle, possa causare alle prime piogge devastanti colate di fango”.

L’anno scorso l’Autorità di bacino ha delineato una serie di interventi che gli enti locali dovranno eseguire. Le amministrazioni dovranno perimetrare le aree interessate dagli incendi, sgombrarle dai rifiuti e da qualsiasi altro materiale a ridosso degli alvei e quindi bonificare i siti controllando anche l’eventuale contaminazione di falde acquifere. Inoltre, si dovranno individuare le zone di viabilità situate sopra i corsi d’acqua e provvedere alla loro sicurezza, soprattutto in caso di allerta meteo.

Nella direttiva è previsto poi il monitoraggio e la manutenzione dei canali, al fine di eliminare ogni ostacolo al normale deflusso dei corsi d’acqua. A ciò si aggiunge anche l’attivazione delle procedure di Protezione civile in caso di bollettini meteo che prevedono l’allerta.

La Regione Siciliana invita fare attenzione anche agli attraversamenti dei corsi. Nella direttiva si ribadisce l’importanza di garantire “sempre la sezione fluviale originaria prevista dal progetto di realizzazione dell’opera”. Sarà poi obbligo degli enti proprietari provvedere alla manutenzione degli attraversamenti. Infine, “divieto per i Comuni all’apertura di piste in terra, piazzali, e ad effettuare risagomature dei pendii in assenza di adeguate reti di convogliamento delle acque”.

Articoli correlati

Articoli Recenti

spot_img