Positività al Covid-19, le cure e l’alimentazione da seguire quando si è a casa

6585

La Federazione regionale degli ordini dei medici chirurghi ed odontoiatri della Lombardia ha redatto una guida con le principali indicazioni da seguire quando si è a casa nel momento in cui si risulta positivi al Covid-19 con l’obiettivo di fornire un supporto al lavoro dei medici di base.

Innanzitutto, il documento distingue i pazienti certi dai casi sospetti: i primi sono pazienti con tampone nasofaringeo molecolare o antigenico positivo; i secondi sono pazienti con sintomi compatibili a quelli del Covid-19 ma che ancora non hanno ricevuto l’esito del tampone o con tampone nasofaringeo negativo ma che sono stati a contatto con un paziente positivo.

Nel caso di trattamento non ospedalieri e quindi di cura presso il proprio domicilio è sconsigliato l’uso di antibiotici perché possono portare ad un aumento delle resistenze e al rischio di eventi avversi, mentre è possibile assumere gli antipiretici, come il paracetamolo per la febbre.

Grande importanza assume la corretta alimentazione e un’idratazione abbondante.

Di seguito il documento pubblicato dalla Federazione tutte le indicazioni nel dettaglio.