Acqua per uso irriguo: 50 agricoltori di Sciacca protestano contro il Consorzio di bonifica

Hanno letto: 332

Una cinquantina di agricoltori saccensi sono stati minacciati di sospensione della fornitura idrica da parte del Consorzio di bonifica. Sullo sfondo: la protesta di questi produttori nei confronti degli aumenti del costo dell’acqua. Imprenditori agricoli che, dunque, hanno deciso di affidarsi a due legali, ossia gli avvocati Giuseppe Arnone e Daniela Principato. Protestano e hanno informato le procure di Agrigento e Sciacca, chiedendo formalmente l’immediata cessazione di ogni minaccia di sospensione della distribuzione dell’acqua nei giorni di Ferragosto. Del caso, come spiegano i legali, sono stati informati i parlamentari regionali Matteo Mangiacavallo e Michele Catanzaro che si stanno occupando della vicenda.