Al Cous Cous Fest di San Vito Lo Capo trionfa la “Panzarella mediorientale” di Ferracuti

482

Vittoria italiana nel mondo alla 25esima edizione del Cous Cous Fest di San Vito Lo Capo. A trionfare, lo chef stellato, marchigiano, Pierpaolo Ferracuti, patron del ristorante “Il Retroscena” di Porto San Giorgio, con la sua “Panzarella mediorientale”, cous cous con gambero e gazpacho, che ha conquistato la giuria tecnica e popolare.

L’Italia vince il Bia cous cous world championship, il Campionato del mondo di cous cous, che ha visto confrontarsi, a San Vito Lo Capo, chef di 8 Paesi (Argentina, Brasile, Costa d’Avorio, Francia, Italia, Marocco, Palestina e Tunisia). Il cous cous con gambero e gazpacho, la “Panzarella mediorientale” , dello chef stellato Pierpaolo Ferracuti, si è aggiudicata la vittoria come miglior cous cous italiano nel mondo. Una ricetta che ha meritato il premio Conad per “impatto zero e sostenibilità”. Il gazpacho è una zuppa fredda a base di verdure crude, molto apprezzata d’estate in regioni come l’Andalusia. Il piatto di Ferracuti, dunque, si è distinto per l’innovazione tecnologica nella cottura e ha conquistato il riconoscimento promosso da Electrolux Professional, consegnato da Giuseppe Pappalardo, cook and chill specialist chef Electrolux Professional.

La chef argentina Lola Macaroff si è aggiudicata, invece, il premio speciale Amadori per il miglior utilizzo del prodotto “carne”. Aissi Hajer, chef tunisina che gestisce la trattoria “Cantina siciliana”, a Trapani, ha conquistato il premio “Don’t Touch” , per l’autenticità del piatto e il rispetto della cultura di provenienza. 

“Un’edizione speciale, quella del Cous Cous Fest che ha visto il ritorno della musica dal vivo e ha avuto un grande riscontro di presenze a San Vito Lo Capo che ha registrato praticamente il tutto esaurito nelle sue strutture turistiche alberghiere ed extra alberghiere che corrispondono a circa 8.400 posti letto”, ha affermato con grande soddisfazione il sindaco Giuseppe Peraino.