Anche un’indagine del Circomare sullo squalo Verdesca a Sciacca

2101

Il Circomare di Sciacca ha aperto un fascicolo per verificare se lo squalo Verdesca giunto sulla costa saccense la vigilia di Ferragosto durante le fasi in cui e’ stato posto sui pontili prima di essere rimesso in mare ha subito maltrattamenti. L’indagine si basa su un video all’attenzione dell’autorità marittima che sentirà a sommaria informazione alcune persone. Lo squalo dopo essere stato posto sulla banchina (in questa fase non erano presenti militari del Circomare) e’ stato portato al largo. L’indagine e’ stata confermata dal comandante del Circomare, tenente di vascello Sebastiano Sgroi. Quando lo squalo e’ stato portato al largo era vivo e al momento non c’è alcuna notizia che si sia spiaggiato lungo la costa. Il Circomare ha ricevuto segnalazioni anche da gruppo animalisti e l’indagine e’ concentrata su quella fase in cui lo squalo e’ rimasto sulla banchina. In pratica, si dovrà stabilire se le operazioni poste in essere per tenerlo bloccato rappresentano maltrattamento o erano necessarie per evitare che lo squalo colpisse violentemente qualcuno dei presenti.