Imposta di soggiorno a Ribera, Pace: “Misura a tutela dei riberesi, se il Consiglio non la condivide la bocci pure”

Hanno letto: 48

“L’imposta di soggiorno non comporterà oneri aggiuntivi a carico delle strutture ricettive ubicate nel territorio e non graverà soltanto sui turisti che alloggiano presso hotel, camping e B&B, ma anche su coloro che alloggiano temporaneamente e per fini turistici in abitazioni situate nel territorio riberesi, come le locazioni temporanee di abitazione ad uso turistico”.È quanto precisa oggi il sindaco di Ribera Carmelo Pace, replicando alle critiche di ieri degli albergatori dopo la decisione (al momento della Giunta) di istituire la nuova misura. L’assessore al bilancio Taglialovre spiega che la tassa di soggiorno non è una proposta di maggioranza ma di giunta, quindi il consiglio comunale sarà libero di approvarla o di bocciarla”. Il sindaco Carmelo Pace fa sapere che “la proposta è stata pensata nel rispetto e nell’interesse dei miei concittadini, perché quest’ultimi si sono addossati costi che avrebbero dovuto essere sostenuti dai turisti”. È stata fissata una conferenza dei servizi con le associazioni professionali degli albergatori per mercoledì 18 aprile 2018.