Incendio in via dei Tonnaroti a Sciacca, modifica del capo d’imputazione per Diliberto

334

Il giudice monocratico del Tribunale di Sciacca, Dario Hamel, ha disposto la modifica del capo d’imputazione per Calogero Diliberto, di 56 anni, di Sciacca, nel processo per l’incendio del 31 luglio scorso in via dei Tonnaroti, a Sciacca, dove il tempestivo intervento di carabinieri e dei vigili del fuoco ha evitato gravi conseguenze.

All’imputato viene adesso contestato l’incendio consumato e non il tentativo. La decisione del giudice è arrivata a seguito dell’escussione dei testi al processo, un carabiniere che ha descritto i fatti.

Il difensore di Diliberto, l’avvocato Giuseppe Scorsone, a seguito della modifica del capo d’imputazione, ha chiesto la trasmissione degli atti al gup. Il giudice Hamel deve adesso decidere se riportare tutto al giudice per l’udienza preliminare o andare avanti con il processo.

Diliberto, intanto, ha lasciato il carcere e ottenuto i domiciliari presso un centro di cura.