L’ironia dei Todaro legata al rogo di Peppe Nappa

Hanno letto: 2145

Il Carnevale è la festa più attesa dai bar, dalle pizzerie e dai locali che operano nel centro storico di Sciacca. E con migliaia di persone ancora per strada in attesa del rogo di “Peppe Nappa”, Alberto e Salvatore Todaro, del Bar del Corso, hanno sfoderato tutta la loro ironia per annunciare che rimarranno aperti fino a notte fonda in attesa del rogo della maschera simbolo del carnevale. Anzi, della scottatura dello zio Giuseppe, come hanno scritto in un cartello per il quale stanno ricevendo un mare di richieste di spiegazione. Sono, soprattutto, i turisti a chiedere lumi ed a voler sapere chi è questo zio Giuseppe che si è procurato una scottatura. E dopo questa scottatura i cornetti caldi.

Nella foto, Alberto Todaro indica il cartello