Maxi inchiesta su Girgenti Acque, il Comune di Sciacca parte civile

477

Il Comune di Sciacca sara’ parte civile nel processo scaturito dalla maxi inchiesta “Waterloo” che ruota attorno alla figura dell’imprenditore Marco Campione, ex presidente di Girgenti Acque.

L’Aica, società consortile dei comuni agrigentini, e’ stata invece, esclusa. Lo ha deciso il gup di Agrigento, Micaela Raimondo, che ha rigettato la richiesta di costituzione in quanto la società “non può avere subito un danno dato che neppure esisteva al momento della presunta commissione dei reati”.

Non e’ stata ammessa neanche la costituzione di Acoset e dell’associazione “A testa alta”.

Sara’ parte civile anche l’ex sindaco Salvatore Petrotto.

Quarantasette gli imputati nei cui confronti il pool di pm coordinati dal procuratore facente funzioni Salvatore Vella hanno chiesto il rinvio a giudizio.

In carcere, erano finiti anche altri sette collaboratori, poi rimessi tutti in libertà dal tribunale del riesame con diverse motivazioni.