Milioti e Bono accusano la Valenti: “Impegnata nella spartizione di poltrone, la sindaca dimentica le criticità di bilancio”

Hanno letto: 136

“La spartizione continua delle poltrone (vedi
allargamento della giunta) e i litigi interni  (vedi le scaramucce con Cusumano) impegnano ormai tutti i giorni il Sindaco Francesca Valenti, la quale si dimentica quindi di governare”. E’ quanto annotano oggi i consiglieri comunali Giuseppe Milioti e Calogero Bono che in una nota dai toni accesi richiamano la Valenti ai suoi compiti.

“A parte le continue vicende – scrivono i due – riguardanti la mancata
partecipazioni a bandi della Regione Sicilia, di cui solo l’ultima è quella dei
mancati finanziamenti alle strutture teatrali di Sciacca, oggi il tema che
denunciamo alla pubblica opinione è quello della tenuta dei conti del comune. Tema che ci ha sempre visti molto attenti. In occasione del bilancio di previsione 2019 abbiamo messo in evidenza le diverse criticità dello strumento finanziario, cosi come evidenziate anche dallo stesso collegio dei revisori dei conti.

Una
di queste criticità riguardava la iscrizione in bilancio, fra le poste in
entrata, delle somme derivanti da un giudizio contro l’Eas, la cui sentenza
definitiva ancora doveva essere emessa. L’iscrizione in bilancio ammonta a €1.200.000,00!! Ebbene il collegio aveva evidenziato puntualmente questa
criticità nella propria relazione scrivendo testualmente “il collegio invita/raccomanda di effettuare una verifica sull’effettiva certezza dell’esito della sentenza di pignoramento in corso entro il 30/11/2019 e qualora non favorevole la immediata verifica per il ripristino degli equilibri di bilancio. La previsione di entrata ad oggi finanzia spesa corrente”.

“Ad oggi – sottolineano i due consiglieri del centrodestra – la sentenza del giudizio non è stata ancora emessa e le variazioni di bilancio per ripristinare gli equilibri possono essere effettuate soltanto entro il 30/11/2019.Allora chiediamo al Sindaco, che è assessore ed esperta di bilancio, se ha dato indirizzo agli uffici di verificare la
situazione e quindi far ripristinare gli equilibri di bilancio, come chiesto
dal collegio dei revisori, attraverso una variazione e il blocco della spesa
corrente al fine di evitare possibili dissesti e disavanzi di bilancio. Noi
pensiamo che il Sindaco sia impegnata in ben altro in questi giorni che pensare alle vicende comunali.

“Di quanto sopra – concludono – chiederemo che al collegio dei
revisori in quanto organo di consulto del consiglio comunale di vigilare che le raccomandazioni impartite vengano rispettate dalla amministrazione comunale”.