Nessun falso per il trasferimento di residenza a Calamonaci, sette assoluzioni

2465

Il giudice monocratico del Tribunale di Sciacca, Fabio Passalacqua, ha disposto l’assoluzione perché il fatto non sussiste dall’accusa di falsità ideologica commessa da privato in un atto pubblico nel processo riguardante il trasferimento della residenza di sette persone a Calamonaci nel 2013.

Assolti Anette Vassallo, Maria Carmela Castellano, Antonio Vincenzo Blandina, Giulia Schillaci, Giuseppe Petrone, Antonella Gatto e Giuseppe Palminteri.

Accolta la richiesta avanzata dai difensori, gli avvocati Vincenzo Castellano, Giovanni D’Azzo, Pasquale Modderno e Pietro Pizzo.

Gli imputati erano accusati di avere con dichiarazione sostitutiva contenuta nella “dichiarazione di residenza” presentata all’ufficio Anagrafe del Comune di Calamonaci tra marzo e aprile del 2013 attestato falsamente ad un pubblico ufficiale in un atto pubblico di avere trasferito la propria dimora abituale in questo nel comune.