Non si era allacciato abusivamente al contatore, assolto saccense dal Tribunale di Sciacca

1431

Il Tribunale di Sciacca, in composizione monocratica, ha assolto perché il fatto non sussiste A. N., saccense difeso dal legale Antonello Palagonia, ordinando il dissequestro e la restituzione allo stesso dei beni in sequestro.
Questi era imputato dei reati previsti e puniti dagli artt. 624, 625 n. 2 c.p. perché al fine di trarne profitto, s’impossessava dell’energia elettrica sottraendola al distributore del servizio ENEL Distribuzione s.p.a., allacciando abusivamente l’abitazione in uso allo stesso alla rete elettrica a monte del contatore.

Con l’aggravante di avere commesso violenza sulle cose, in quanto per connettere i cavi ha rimosso la guaina isolante della linea elettrica di ENEL Distribuzione s.p.a.. Il fatto contestato all’imputato e’ stato commesso a

Sciacca nel 2016.
A mezzo dell’esame dei testi e di produzione documentale, il legale del saccense ha dimostrato la assoluta estraneità del suo assistito ai fatti contestatigli ed in particolare che nessun allaccio abusivo, collegamento e manomissione vi era stata sul contatore.
Infondato era quindi anche il sequestro disposto a seguito di perquisizione della abitazione dell’ A.N. tanto che è stata disposta la restituzione dei beni in sequestro.
Tesi condivisa anche dal PM che all’esito dell’istruttoria dibattimentale ha richiesto anch’esso la assoluzione.