Regolamento comunitario che impone la videosorveglianza a bordo, stato di agitazione per la marineria saccense

589

Proposta di regolamento comunitario di integrazione e modifica del sistema dei controlli sulla attività di pesca che prevedrebbe anche, ad esempio, l’installazione di telecamere a bordo dei singoli motopesca per monitorare e controllare le catture di pesce, questo unitamente ad altri controlli sempre più stringenti per l’attività di pesca: è questa la motivazione che vede in agitazione e fermento le marinerie siciliane e anche quella saccense.
Il provvedimento normativo è in questo momento all’esame della Commissione Pesca Europea, seguirà un iter nei prossimi mesi e potrebbe approdare al Parlamento Europeo ad ottobre per la approvazione definitiva.
“La crisi del settore pesca – scrivono in una nota le cooperative dei pescatori saccensi – è nota da diversi anni, fattori strutturali e congiunturali hanno contribuito insieme a portare al collasso le marinerie del nostro paese, ma riteniamo a questo punto ci sia un preciso disegno da parte della politica Europea di mettere definitivamente “al tappeto” il settore della pesca, sono anni ormai che le norme comunitarie vanno tutti nella medesima direzione, cioè quella di far chiudere il settore a vantaggio della importazione del pesce o verso sistemi diversi di produzione, vedi acquacultura.
Per questi motivi chiediamo al Governo Italiano, ai nostri parlamentari e alle organizzazioni di categoria di fare quadrato e trovare il modo di modificare la proposta di regolamento comunitario. I pescatori vogliono rispettare le norme ma al tempo stesso chiedono che le leggi non siano vessatorie”.
Nei prossimi giorni, annunciano ancora le tre cooperative saccensi, verrà definita la data di un incontro fra marinerie siciliane, per stabilire nel dettaglio forme di protesta e incontri con rappresentati politici e di categoria, nel frattempo la marineria di Sciacca con il presente comunicato dichiara lo stato di agitazione del settore che al momento non prevede forme di astensione dal lavoro o manifestazioni pubbliche.