Riprende l’attività di riabilitazione pediatrica della Maugeri a Sciacca per 140 bambini

2352

Dopo il lock-down riprende la riabilitazione pediatrica all’Istituto Maugeri di Sciacca. Da mercoledì 1 luglio, infatti, l’ambulatorio ricomincia a operare, avendo provveduto la direzione sanitaria dell’ospedale Papa Giovanni XXIII, con il direttore Gaetano Migliazzo, a ricavare idonei locali nell’area dell’ex-mensa dell’ospedale, per evitare che i piccoli pazienti debbano entrare nel nosocomio, in passato potenzialmente interessato a casi Covid. “Adesso – spiega il direttore Domenico De Cicco – l’accesso è indipendente e in totale sicurezza”.

Per le 140 famiglie che facevano riferimento alla Maugeri, un sospiro di sollievo, dopo la lunga sospensione, particolarmente difficile per bambini che hanno talvolta disturbi dello spettro autistico e che trovano nella terapia di logopedisti, neuropsicomotricisti e fisioterapisti un notevole beneficio. In queste ore, vengono tutte ricontattate dalla Maugeri per inserire in agenda le visite.

La struttura è stata aperta nel 2016, appositamente dalla Maugeri che non fa riabilitazione pediatrica a livello nazionale, proprio per rispondere al bisogno di salute di tanti bambini del territorio e su richiesta dell’ASP di Agrigento.

Nell’area di Sciacca e dell’Agrigentino in generale erano infatti presenti numerosi casi pediatrici di Disturbo dello spettro autistico, Ritardo cognitivo, Sindromi genetiche, Ritardo psicomotorio e del linguaggio e Paralisi cerebrali infantili, che vedevano le famiglie rivolgersi a centri fuori provincia, con spostamenti in auto di 40 chilometri, anche più volte al mese.

“La domanda era rapidamente cresciuta – ricorda De Cicco – arrivando agli attuali 140 piccoli pazienti, con 40 purtroppo ancora in lista d’attesa. La presa in carico dell’Ambulatorio – prosegue – comincia dopo che il neuropsichiatra di Distretto, Nicola Testone, imposta un progetto riabilitativo per ogni bambino e le relative attività che poi vengono svolte da noi in Istituto”.

L’organico dell’Ambulatorio è costituito da quattro logopediste e quattro neuropsicomotriciste Maugeri, cui si aggiungono una neuropsicomotricista e una fisioterapista fornite dall’Asp agrigentina, tutte coordinate dalla dottoressa Angela De Palo, sempre dell’Istituto saccense, che garantisce anche supporto piscologico specialistico, quando i singoli casi lo rendono necessario.

“Siamo lieti di riprendere le attività – sottolinea il direttore De Cicco . Molte famiglia ci hanno contattato durante il blocco, chiedendoci notizie. Conosciamo il loro bisogno e le loro fatiche: umanamente oltreché professionalmente aspettavamo di poter tornare a offrire risposte”.


Warning: A non-numeric value encountered in /var/www/web9/web/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008