Rocciatori in azione per mettere in sicurezza il costone e il “Pizzo” di Caltabellotta

1830

Ancora qualche mese di lavori da parte della società Pellegrini di Narni che esegue, per un importo di circa 2 milioni di euro, il consolidamento del costone roccioso a salvaguardia del centro abitato di Caltabellotta. Nella prossima estate è prevista la conclusione dell’opera che era stata annunciata dal presidente della Regione, Nello Musumeci, in veste di commissario contro il dissesto idrogeologico.

La struttura, diretta da Maurizio Croce, ha infatti aggiudicato la gara per un lavoro molto atteso che restituisce piena fruibilità e condizioni di sicurezza ai quartieri Pietà e Randa di Caltabellotta.

L’intervento riguarda il versante sud-est che dall’ex monastero arriva sino a Pizzo del Conte Luna, sede dei ruderi del castello normanno che sovrasta numerose abitazioni. Al momento si lavora nell’area sopra il castello di Caltabellotta. Prevista l’applicazione sulla parete di una serie di pannelli, di funi e reti d’acciaio, con armature in barre. Si procede inoltre al disgaggio di piccoli massi e al loro placcaggio diretto tramite tiranti, all’eliminazione della vegetazione che può nascondere massi pericolanti, con pulizia da arbusti e con il taglio delle piante lungo il ciglio. Sarà infine collocata una rete in filo metallico zincato di tipo C con diametro pari a tre metri.