Tragedia Ravanusa, l’esplosione provocata da una bolla di metano

1795

“L’esplosione è stata prodotta da una “bolla” o “camera” di metano innescata da una casuale scintilla”. Lo ha dichiarato il procuratore Luigi Patronaggio che sta guidando il pool di magistrati che sta cercando di fare chiarezza, sulle cause che hanno portato alla tragedia di via Trilussa a Ravanusa.

«Si sta cercando di ricostruire la dinamica dell’esplosione e del successivo propagarsi della “palla di fuoco” e dell’onda d’urto – ha spiegato – . Viceversa, sul come e sul perché si sia creata la “bolla”, e perfino sul punto esatto dove la stessa si sia creata (al momento localizzata al di sotto o in adiacenza della abitazione del civico numero 65 di via Trilussa), permangono dubbi che saranno sciolti dalle investigazioni tecniche e di polizia giudiziaria in corso».

Diversi i sopralluoghi effettuati sul luogo del disastro, all’ultimo dei quali ieri era presente anche il procuratore aggiunto Salvatore Vella, “sono stati repertati, per le successive analisi, diversi ed eterogenei materiali rinvenuti sul luogo” .

È stato poi creato un pool di magistrati per fare chiarezza su cosa abbia innescato l’esplosione. Il pool, coordinato da Patronaggio, è costituito dal procuratore aggiunto Salvatore Vella e dai sostituti Chiara Bisso e Sara Varazi ed avrà il compito di coordinare i tanti tecnici incaricati.

Tre i medici legali che si sono occupati delle autopsie sui corpi delle 9 vittime hanno avuto il compito «di conoscere le cause del decesso e la presenza di tracce di gas, o di altri elementi volatili, nei tessuti molli , nei polmoni e nel cervello delle vittime», ha reso noto il procuratore capo Luigi Patronaggio. È stato, inoltre, costituito un collegio peritale che è coordinato dall’ingegnere Antonino Barcellona.

La Procura della Repubblica di Agrigento si è anche riservata di nominare un consulente geologo e un altro esperto in materiali esplodenti.

Le indagini proseguono per trovare e accertare le responsabilità di una tragedia che e’ costata la vita a dieci persone.