Ufficio per il processo, agrigentino impugna graduatoria

1048

E’ stato inserito nella graduatoria come idoneo non vincitore dopo aver partecipato al concorso per il reclutamento a tempo determinato di componente di ufficio per il processo della Corte d’Appello di Palermo, vedendosi riconoscere un punteggio inferiore a quello che gli spettava.

Un agrigentino di 26 anni che ha proposto ricorso, con la difesa degli avvocati Girolamo Rubino e Giuseppe Impiduglia.

 Con il ricorso, in particolare, è stato sostenuto che la laurea magistrale in possesso del giovane rappresenta “un titolo superiore rispetto a quello (triennale) richiesto dal bando per la partecipazione al concorso ed è stato rilevato come la Commissione avrebbe dovuto attribuire al candidato ulteriori due punti in ragione del possesso di tale laurea”.

I giudici amministrativi, quindi, con sentenza breve, hanno accolto il ricorso, rilevando come “la laurea magistrale costituisca un titolo di studio superiore rispetto a quello utile alla semplice ammissione al concorso, rappresentato dalla laurea triennale. Ove tale superiore titolo non fosse valutabile quale titolo aggiuntivo, si genererebbe un’illogica e irragionevole disparità di trattamento tra candidati”.

Con la sentenza, il Tar ha, quindi accertato che “al ricorrente spetta l’attribuzione di ulteriori 2 punti” e quindi, dovrà essere rideterminata la posizione che è ricoperta dal ricorrente che potrà conseguire l’assunzione in servizio anche per effetto dello scorrimento della graduatoria.