Visitatori cacciati fuori dalla villa comunale di Sciacca mezz’ora prima dell’orario di chiusura

2213

In una città turistica come Sciacca può capitare di essere cacciati fuori dalla villa comunale anche mezz’ora prima dell’orario di chiusura. Lo spiacevole episodio, è capitato oggi pomeriggio ad un nostro lettore e ad altri venti visitatori dell’antico giardino cittadino. Già la scorsa settimana,ci erano giunte segnalazioni da parte di alcuni cittadini che riferivano, come si è ripetuto esattamente oggi, che dopo le ore diciotto mentre stavano facendo serenamente una passeggiata all’interno del parco pubblico, avevano dovuto interrompere il momento di relax perché richiamati ed invitati animatamente dal custode comunale già mezz’ora prima della chiusura fissata per le ore 19, ad “accomodarsi” fuori dai vialetti della villa.

Stesso identico copione che si è registrato anche questo pomeriggio e che un nostro lettore indignato, ci ha nuovamente segnalato. Il lettore inoltre, evidenzia anche lo stato di totale abbandono in cui versa il sito comunale.

Dinnanzi le rimostranze dei visitatori che facevano notare come ancora non fosse scattato l’orario di chiusura, il dipendente comunale ha giustificato la sua richiesta precoce con la necessità di dover ripulire i bagni posti a servizio del luogo pubblico, espletamento di una mansione che pare chiaro non può accorciare arbitrariamente l’orario di apertura fissato.

Quanto viene segnalato pone all’attenzione di tutti la problematica relativa ai servizi di gestione dei beni pubblici cittadini. La villa “Ignazio Scaturro”, non è l’unico bene cittadino dove si registrano episodi di questo genere. Basta pensare al parco giochi di contrada Perriera che anche la scorsa domenica, è tornato ad essere chiuso tra le lamentele di molti genitori che hanno trovato l’ingresso sbarrato. Una chiusura che si registra durante i festivi ormai da diversi mesi.

Oggi l’assessore comunale, Salvatore Monte con un post su Facebook ha pubblicato la lettera con cui sollecita il dirigente preposto e i relativi uffici l’apertura del parco in determinati orari e giornate commentando il documento con una citazione latina “Repetita iuvant!”.