ZTL, il retroscena del braccio di ferro tra amministrazione e vigili urbani

1204

Traffico chiuso sì, traffico chiuso no. È uno di quei temi su cui è in corso un decennale dibattito cittadino. Forse il paradigma di quella Sciacca che si divide, in un’apoteosi insuperabile dell’eterna italica dicotomia tra favorevoli e contrari. Con, sullo sfondo, le sottocategorie dei buoni e dei cattivi.

È l’anima di Sciacca. “E tu non puoi farci proprio niente”, per parafrasare Humphrey Bogart. L’anima civica dove la politica è niente di più e niente di meno che la sua proiezione, avanzando stancamente sul sentiero impervio che conduce alle scelte (o, meglio, alle “non scelte”) volte a fare tutti contenti. Ma, si sa, la matematica non è un’opinione, e non è possibile fare tutti contenti.

E così ogni anno puntualmente ci si confronta sugli orari, sui bus navetta, sui commercianti pro, su quelli contro, tra chi chiede tolleranza per permettere alle auto di potersi fermare davanti il proprio negozio, e tra chi considera necessario valorizzare il centro storico attraverso un’interdizione alle auto senza se e senza ma. E poi: i parcheggi, i servizi, e chi più ne ha più ne metta. Anche se in tanti dimenticano il viziaccio antropologicamente recente di molti saccensi di pensare di fare la “passeggiata” stando comodamente seduti in automobile, oscillando tra la prima e la seconda marcia.

Quest’anno, nel dibattito tra “pro” e “contro” si è inserito un altro problema, e riguarda l’irrigidimento della Polizia municipale rispetto alla sua indispensabile collaborazione alla gestione della ZTL. Gli agenti non sono “precettabili”, essendo tenuti a garantire solo dei turni di servizio che culminino entro la mezzanotte. Slittamenti oltre quell’orario vanno concordati, ma in ogni caso prevedono un’adesione che sia su base volontaria da parte della P.M.

Ma è un principio, quello della volontarietà, che è stato sempre garantito. Qual è, dunque, quest’anno il problema? Stando a quanto ci risulta, l’assessore Paolo Mandracchia starebbe cercando di rimediare ad un malcontento degli agenti scaturito dal presunto mancato rispetto di taluni impegni riguardante la gestione della ZTL dell’estate del 2017. Fondi per gli straordinari inizialmente regolarmente assegnati ma, poi, improvvisamente revocati. Sarebbe questo il motivo principale che ha irrigidito la P.M. Una questione che al momento impedisce alle iniziative estive di potersi svolgere in un ambito accettabile, con tanto di vetture che transitano tra ali di folla plaudente il concerto.