Centri diurni per minori, da oggi la presentazione delle istanze

549

E’ stato pubblicato oggi, sul sito del Comune di Sciacca, l’avviso relativo alla presentazione delle istanze per la partecipazione ai Centri diurni e altri servizi educativi e ricreativi per minori del Comune di Sciacca.

L’avviso è destinato alle famiglie e permetterà a bambini e bambine di età compresa fra i 3 e i 14 anni di partecipare ad attività ludico ricreative nei mesi di ottobre, novembre e dicembre 2022.
Le attività sono finanziate dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri che a tale fine ha istituito un fondo con una dotazione di 58 milioni di euro destinato al finanziamento delle iniziative dei Comuni da attuare nel periodo 1° giugno – 31 dicembre 2022.
Attraverso questa misura, e grazie alla collaborazione con enti pubblici e privati, sono favorite iniziative di promozione e potenziamento di attività, incluse quelli rivolte a contrastare e favorire il recupero rispetto alle criticità emerse per l’impatto dello stress pandemico sul benessere psico-fisico e sui percorsi di sviluppo e crescita dei minori, nonché quelle finalizzate alla promozione dello studio delle materie STEM, da svolgere presso i Centri estivi, i servizi socioeducativi territoriali e i centri con funzione educativa e ricreativa per minori.
Gli enti accreditati presso il Comune di Sciacca per la realizzazione di tali attività sono 5, a carattere prevalentemente sportivo, le cui carte dei servizi, per consentire la scelta ai fruitori, sono pubblicate presso il sito del Comune di Sciacca.
L’intento è la valorizzazione dell’attività sportiva oltre che la promozione della stessa.

“E’ fondamentale – scrive l’assessore alla pubblica istruzione, Salvatore Mannino – che i bambini abbiano la possibilità di sperimentare discipline di diverso genere come, altrettanto fondamentale, è costruire per loro delle alternative ai giochi virtuali.
Il finanziamento del Ministero regala l’opportunità di utilizzare uno strumento davvero prezioso per affermare, ancora una volta, il diritto inalienabile dei bambini di avere degli spazi dedicati”.