Stati Generali del Turismo, ancor prima di iniziare è già polemica. L’assessore Caracappa: “Siamo di fronte la liturgia del lamento grillino”

400

WL’assessore alla promozione strategica del territorio, Sino Caracappa ha annunciato e convocato per questo fine settimana la seconda edizione degli stati generali del Turismo, la nuova edizione del Wake Up Sciacca, la piattaforma nata dal basso degli Stati Generali del Turismo della città organizzata quest’anno dal Comune di Sciacca nei locali della Badia Grande.

Ad aprire i lavori nel pomeriggio di sabato 22 giugno sarà un “riassunto della puntata precedente”: verranno infatti esposti e analizzati i dati e, soprattutto, le idee raccolte durante l’edizione 2017. Cultura, benessere, enogastronomia, infrastrutture e impresa sono le cinque aree che sono state sviscerate e che presentavano delle esigenze comuni. Saranno proprio le risposte a queste esigenze i focus di questa seconda edizione: Formazione, Comunicazione e Finanziamenti.

Spazio agli ospiti provenienti da tutta la Sicilia e ai confronti su temi specifici, invece, domenica 23. Durante la mattinata si potranno ascoltare esperienze virtuose e proposte: si parlerà, ad esempio, di riforma dell’imposta di soggiorno, di esperienze di partecipazione dal basso, di consorzi.m

Ma questa mattina la nota ufficiale del Comune di Sciacca ha provocato la reazione della consigliera Teresa Bilello che ha commentato negativamente la scelta del nuovo amministratore: “A meno di due giorni dall’apertura degli “Stati Generali del Turismo” – scrive oggi la Bilello – diversi operatori del settore non hanno ancora ricevuto l’invito ufficiale e i cittadini non conoscono il programma dell’evento dal nome cosi importante e altisonante. La promozione dell’evento è partita solo ieri e, per giunta, monca di contenuti. Solo un sito web creato appositamente, con una pagina statica che tenta di rassicurare il lettore: “Tutte le info presto qui”.

“A Sino Caracappa – continua la Bilello – vorremmo chiedere cosa intende esattamente per “presto”, visto che gli “Stati Generali del Turismo” iniziano (o dovrebbero iniziare) dopodomani, come intenda promuovere l’evento e a chi sia indirizzato. L’impressione, ancora una volta, è che si dia molta più importanza alla forma, ai titoloni “importanti” sui giornali, piuttosto che alla sostanza e ai contenuti, per poter veramente fare “presto” a cambiare passo in una città che tempo da perdere non ne ha più”.

“Un titolo – conclude – cosi altisonante per l’evento presuppone una giusta programmazione e promozione dello stesso, invece, a meno di due giorni dal suo inizio, nulla di tutto ciò. Cambiano gli assessori, ma rimangono la stessa approssimazione e l’assenza di programmazione che hanno caratterizzato in questi due anni l’amministrazione Valenti. Un assessore al Turismo che non riesce a programmare in tempo, né a promuovere in maniera corretta, gli “Stati Generali del Turismo” non fa parlare bene della propria città. Comincia male il suo lavoro l’assessore targato PD Sino Caracappa”.

Reazione immediata quella di Caracappa che alla Bilello ha subito replicato: “Il comunicato del consigliere comunale Teresa Bilello la quale critica a priori una manifestazione che deve ancora svolgersi – annota Caracappa – dimostra chiaramente la posizione strumentale e ingiustificabile di opposizione a tutti i costi. Ancora una volta siamo di fronte alla solita “liturgia del lamento” grillino la quale, in verità, non si è contraddistinta per proposte fattibili. In ogni caso, ai lamenti della Bilello risponderemo con i fatti”.