Agrigento vince il “Golden Apple Award”, l’oscar del Turismo

1093

Il giornalista Giacomo Glaviano, presidente italiano della Fijet, e Tijani Haddad, presidente della Federazione Mondiale, hanno consegnato, a conclusione del Travelexpo a Città del Mare nell’ambito della Giornata Mondiale del Turismo, il “Golden Apple Award”, l’oscar del Turismo, al presidente del Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi di Agrigento, Bernardo Agrò, e all’assessore al Turismo di Agrigento, Francesco Picarella, delegato dal sindaco Miccichè.

La Sicilia viene premiata per la terza volta dalla Commissione Internazionale dei Giornalisti di Turismo con il “Golden Apple Award” della Federazione Mondiale, assegnato ogni anno ad un paese, città, o persona in riconoscimento del lavoro svolto nel promuovere ed aumentare il livello del turismo, settore trainante dell’economia e della occupazione.

All’apertura di cerimonia Giacomo Glaviano ha ricordato che “nel 2012 il “Golden Apple Award” equivalente all’Oscar del Turismo venne consegnato a Caltagirone “Città della Ceramica”, nel 2018 a Palermo “Capitale della Cultura” e oggi, con grande soddisfazione – ha detto – al Parco Archeologico della Valle dei Templi di Agrigento. Il Parco Archeologico – ha ricordato – venne istituito 20 anni fa con legge regionale che rappresenta l’unico esempio in Sicilia di gestione autonoma di un sito archeologico, che svolge con grande professionalità la sua attività nei diversi settori di competenza per la conservazione, la fruizione e la valorizzazione del patrimonio archeologico e paesaggistico, gestito, secondo il dettaglio della legge istitutiva, anche ai fini della promozione del territorio più vasto nel quale opera.La sua attività è molto varia e spazia dal restauro dei monumenti alla manutenzione del patrimonio paesaggistico-ambientale, alla divulgazione dei contenuti culturali e naturali del sito, nonchè alla loro fruizione e divulgazione attraverso sistemi innovativi informatici. In tutti questi settori – ha aggiunto Glaviano – il Parco patrimonio dell’Unesco dal 1998, ha raggiunto livelli ragguardevoli e si pone all’avanguarda, nel campo del restauro archeologico che lo vede impegnato in operazioni di grande momento tecnico-scientifico riguardanti i principali monumenti della Valle.Oggi – ha concluso – il Parco è il fiore all’occhiello della Provincia di Agrigento, il più visitato di Taormina, che costituisce la maggiore attrattiva culturale della Sicilia centro meridionale e ci inorgoglisce”.